Contributi filosofici

Per inviare articoli utilizzare il FORM in fondo alla pagina

PER ACCEDERE AI CONTENUTI CLICCARE

Filosofia e Politica
Il grosso problema d Europa: essere ex cristiana
Il GROSSO problema dell'Europa è di essere ex-cristiana !
Durante secoli di governi , giusti od ingiusti che fossero, gli aspetti fondamentali per le popolazioni europee erano la estraneità al diretto conflitto armato.
Infatti non esisteva la "leva obbligatoria" ed i soldati erano al "soldo" del governo o del principe o della nazione. Con la rivoluzione francese il governo si affrettò a rendere partecipe il popolo di ogni cosa, compresa la morte o le ferite di una guerra.
La prima situazione espressa da questa leva generale del popolo , fu il massacro, mai divulgato abbastanza, effettuato dalle truppe francesi in Vandea, regione francese, sui loro stessi concittadini , rei di non accettare l'ateismo governativo rivoluzionario.
Si vide già allora cosa era capace di fare un governo ateo e "libero" da ogni religiosità !
Recentemente, qualche decennio fa, l'Europa si accorse con orrore di cosa sia capace un governo sempre "libero" da ogni forma religiosa cristiana: Germania pagana e Russia comunista coi rispettivi lager hanno mostrato al mondo cosa si può fare senza più il rispetto dell'uomo-creatura.
I fondamenti filosofici della rivoluzione francese, di stampo libertario estremo, sono stati ripresi più volte nella storia europea per preparare appunto comunismo e nazismo, due aspetti ideologici con le medesime ispirazioni anticristiane.
Quindi I fondamenti della rivoluzione francese, cui anche gli attuali papi attingono, sono stati forieri di ghigliottina e di predazioni a man bassa di tesori europei (finiti al Louvre, come ben si sa...).
Le sollevazioni popolari della Spagna e dell'Italia, fatte per contrastare l'odioso atteggiamento delle truppe francesi, ovunque arrivassero, sono pure taciute ora, per fornire quella storia dolciastra e bugiarda in preparazione agli ideali del "Risorgimento" che non erano altro che gli ideali della massoneria inglese che tutto fece per scardinare le piccole nazioni italiane e distruggere alla base il papato che si avvaleva anche di un potere temporale (che rendeva indenne la Chiesa cattolica da speculazioni economiche e valutarie nazionali ed internazionali ).
I tentativi del 1848 con i famosi moti "popolari" che erano gestiti da aristocratici già con idee massoniche e "liberali" furono solo la prova generale dei conflitti che si sarebbero verificati poi nel secolo successivo.
Infatti gli assetti nazionali furono modificati spesso e con sempre più frequanti ingiustizie e prevaricazioni, sì da provocare, poi, i due grandi conflitti europei che coinvolsero il mondo intero.
In tali conflitti mondiali la popolazione che per secoli rimase indenne dal coinvolgimento diretto, si trovò ad essere sempre più coinvolta, sia per la "leva obbligatoria" e generale, sia per i bombardamenti che dalla prima alla seconda guerra, coinvolsero sempre più la popolazione fino a diventare ostaggio permanente nella futura, poco ipotetica, guerra nucleare ! I morti civili infatti aumentarono esponenzialmente tra la prima e la seconda Guerra Mondiale, per un ben preciso piano di terrorizzare la popolazione civile per indurla a ribellarsi e desistere dal conflitto.
L'esempio più vergognoso, anche se ormai taciuto, è il bombardamento continuo, dopo l'armistizio del settembre 1943, delle città italiane, da parte degli Alleati anglo-americani con la scusa dell'occupazione tedesca e del fatto che ci considerarono comunque "nemici".
la Francia storicamente è sempre stata in mezzo alle contese cristiani-islam prendendo la posizione più comoda.
Non a caso a Lepanto e nella difesa di Vienna la Francia era assente vergognosamente !
Covava già nel suo regime e nel sistema di governo quell'aspetto orgoglioso ed indipendente da ogni cosa, che l'avrebbe staccata mano a mano dalle forme di governo di allora fino a generare i mostri rivoluzionari assetati di sangue e convinti di dover modificare il mondo intero.
Nelle Americhe la Francia aveva già iniziato quest'opera di devastazione morale degli indigeni, anche con l'insegnare a togliere lo scalpo dei nemici uccisi.
La completa scissione dai valori cristiani fondanti l'Europa , che furono la base del Sacro Romano Impero di Carlo Magno e successori, (prime università, prime ribellioni allo strapotere aggressivo islamico) si ebbe con la Rivoluzione Francese che instaurò col terrore e col sangue quelle modifiche ai popoli e culture europee.
La Francia è riuscita in due secoli ad imporre questi ideali di apparente umanità, ma forieri di religiosità "altra" e contrapposta furiosamente al cristianesimo che fu il fondamento della costruzione dei popoli europei.
La disgregazione dei valori fondanti il cristianesimo, che videro il sorgere di una civiltà ancora oggi tecnologicamente potente, portò alla dispersione di idee nei governi e persino nella Chiesa, con l'infiltrazione delle idee libertarie che cozzano profondamente con l'idea cristiana dell'uomo come creatura obbediente ad un Creatore che ha fatto tutto.
Montini eletto papa contribuì a questa scissione "gerarchica" tra l'uomo creatura ed il suo Creatore, denaturando la liturgia cattolica e democratizzandola in senso più luterano per cercare di andare incontro alle richieste eterodosse delle chiese scismatiche sofferenti dopo le persecuzioni della guerra.
Così, anche la Chiesa cattolica che era stata la roccia indefettibile per secoli, cui aggrapparsi o contro cui scontrarsi, divenne massa adattabile al mondo moderno , di aspetto multiforme (sette varie al suo interno) perdendo di vista le sue origini e fondamenti dottrinali.
Così il gioco "rivoluzionario" era compiuto!
Non così succede nei paesi islamici, dove il Corano ha insegnato per secoli l'aggressione e la islamizzazione forzata dei popoli, secondo i principi duri ed anti-libertari della dottrina islamica, molto simile alla dottrina comunista. Infatti così come il comunista, l'islamico è una pedina di voleri altrui e non può chiedersi mai perchè obbedire o perchè agire in un certo modo. Se il Vangelo fu oggetto di esami ed analisi ripetute nei secoli e convalidate da illustri filosofi e teologi, il Corano, appena fu oggeto di analisi ( i sufi) fu presto riconfermato nella sua brutalità massacrando questi analisti e perseguitando i loro seguaci.
L'islam che è sottomissione completa e totale ad un dio strano , che promette paradisi molto terreni ai suoi guerrieri, è sempre uguale e consente divagazioni dottrinali o governi più "aperti" solo temporaneamente e per strategia politica vera e propria.
La storia dei rapporti tra islam e cristianesimo insegna ciò, anche se ora, per la pancia piena e la volontà svuotata , l'Europa non vuole guardare indietro e ricordare la storia del recente passato.
Del resto , come può una Francia invasa da milioni di islamici delle colonie, od una Germania riempita da milioni di turchi islamici , pensare che l'islam sia di per sè pericoloso come religione ?
Lo si nega , semplicemente, e si vuole pensare che vi siano due anime islamiche, per poter vivere senza angoscia.
Persino l'ultimo, attuale papa conciliare, Bergoglio, ha avuto il "coraggio" di indicare a più riprese l'islam come religione di pace.... O non conosce la storia o vuole esercitare un'opera di pacificazione insensata poichè senza che l'interlocutore dichiari apertamente le sue intenzioni pacifiche !
Arrivando ,dunque ai gorni nostri, le vignette di charles Hebdo sono talmente volgari e blasfeme da suscitare sentimenti di ripulsa o di vendetta aspra. E si sono viste le conseguenze da parte islamica, dove la reattività è ancora alta e non addormentata e pacifista come nella mentalità e senso religioso cristiano.
L'innalzamento della lotta islam-europa è dovuta al fatto chiarissimo che l'Europa attuale è motivo di profondo disprezzo da parte degli islamici, poichè ha abbandonato le sue radici cristiane e combattive per la religione degli avi (quantomeno!) ed è diventata una molle e viscida prostituta al servizio Usa.
Logico quindi che l'islam, religione TUTTA fanatica, checchè ne dica papa Francesco , che la dice religione di pace, sia diventato aggressivo e minaccioso verso il (purtroppo) viscidume europeo.
Se non si recuperano i valori cristiani e cattolici NON C'E' NULLA DA FARE !
Gli ideali della rivoluzione francese non salveranno nè la Francia, nè l'Europa, nè il papato !
Cordiali saluti.
dott.M.Dalbuono
Compilare il seguente modulo
Nome e Cognome:
E-mail:
Sezione:
Titolo:
Testo:

captcha
Inserisci il codice che vedi nell'immagine sopra.


  
 
 
Eraklito 2000
 
 
 
CENACOLO FACEBOOK
 
Edizioni Cantagalli
 
 
Associazione Verso il Cenobio