Contributi filosofici

Per inviare articoli utilizzare il FORM in fondo alla pagina

PER ACCEDERE AI CONTENUTI CLICCARE

Filosofia e Politica
In merito alla questione Palestina-Israele - di Francesco Corsi
Personalmente, diffido sempre per abitudine dai concetti "ISMI " . Non possiamo leggere la storia
a colpi di ideologia nè in un senso nè in un altro. Non è plausibile tirar sempre fuori il Complottismo e
leggere la storia a colpi di ideologia terzomondista.

Un po' di analisi storico dialettica:

Possiamo dire, dati storici alla mano, che gli Ebrei hanno buttato fuori da una terra chi era a casa a sua

oppure no?

Gli ebrei hanno ricominciato a popolare la Palestina (che non avevano mai completamente abbandonato) a partire – grosso modo – dal 1917. Allora la Palestina era scarsissimamente popolata. Non solo da arabi, ma anche da cristiani ed ebrei. Gli abrei immigrati allora comprarono terre in gran quantità. Gli espropri ci furono solo come conseguenza delle quattro guerre arabo-israeliane (1948-1973). Tutte queste guerre furono guerre di aggressione in cui lo stato di Israele esercitò il diritto di legittima difesa.

Possiamo parlare di complottismo sionista?
E' una delle tante balle che circolano. Il complottismo è un sistema formale di pensiero che è in grado di giustificare tutto e il contrario di tutto. E’ un ottimo alleato del relativismo con cui il conformista radicale si sforza di illudere sé stesso e gli altri di essere il modello dell’anticonformismo…Il complottismo non è falsificabile e, dunque, secondo Popper (e secondo verità) non è scientifico. E’ la fantasticheria con parvenza scientifica. Secondo lui le Torri Gemelle le ha buttate giù Bush, la Shoah è una invenzione del complotto giudaico-plutocratico-massonico, il Medio Evo è “buio”, Lincoln è stato assassinato dai Gesuiti, ecc., ecc.



Chi è Hamas ?

Un certo atteggiamento ideologico e terzomondista è abituato davanti al fatto a ricorrere all’arte-fatto, o al fatto ri-fatto. Ma i fatti sono lì e parlano da soli. Se vince Hamas Israele sparisce e gli ebrei e i cristiani che rimangono (vivi…) diventano dei dhimmi. Hamas non è disposta ad ammettere in Palestina (ma in tutto il medio oriente, Libano insegna) nessuna sovranità che non sia islamica, dove il destino delle minoranze è la dhimmitudine.

A questo link un documento ufficiale dell’ONU http://jmm.aaa.net.au/articles/17738.htm



I Palestinesi sono vittime o hanno responsabilità precise?

Se gli Israeliani attaccano in modo pesante, dalla parte palestinese vediamo un partito che pone come proprio manifesto l'annientamento dello Stato di Israele.

Un partito che salito probabilmente al potere col consenso del terrore, non usa nessuna diplomazia

e tira bombe su civili in tempi di tregua, violando ogni barlume di regola umana e di buon senso.

Suggerisco la lettura di Pascal Bruckner "Il singhiozzo dell'uomo bianco".....

forse molti "sinistri" intellettuali sostituiscono alla folle ideologia comunista un amore viscerale per la forma a priori di un terzomondismo autoflagellante.

Così dei terroristi maniaco criminali vengono santificati...... l'importante è che qualsiasi violenza non venga nè dall'occidente nè dall'America.......

del resto questi signori non hanno mai digerito di essere stati liberati dai nazisti dagli americani, preferiscono sognare ancora che la libertà sia giunta dalla Resistenza....

E chi la pensa diversamente non può parlare ( a Giampaolo Pansa a Massa-Carrara fu impedito di parlare del suo libro

perchè "offendeva la Resistenza")



Compilare il seguente modulo
Nome e Cognome:
E-mail:
Sezione:
Titolo:
Testo:

captcha
Inserisci il codice che vedi nell'immagine sopra.


  
 
Edizioni Cantagalli
 
CENACOLO FACEBOOK
 
 
 
Eraklito 2000
 
 
 
 
 
 
Associazione Verso il Cenobio