Recensioni
Premio PAX DANTIS a Souad, donna di pace - La NAZIONE
Data:   09-07-2008
A SOUAD SBAI, "donna di pace" è stato consegnato il premio "Pax Dantis" per la pace universale. Un premio che l'Onorevole Sbai, deputata al parlamento italiano e presidentessa dell'associazione Donne Marocchine in Italia, ha ritirato con commozione e soddisfazione. "Vorrei ricordare che il Vostro Dante è vietato in molti paesi arabi", ha commentato ricevendo il riconoscimento dalle mani degli studiosi del Centro Lunigianese di Studi Danteschi (CLSD), ente organizzatore dell'evento in seno al Dante Lunigiana Festival. "Un segno che la battgalia per la cultura e l'integrazione è ancora lunga, ma degna di essere combattuta". Ed è stato proprio l'impegno che la Sbai ha speso per la "costruzione di un pensiero filosofico di pace universale" a persuadere il CLSD a sceglierla per il Premio "Pax Dantis". La cerimonia di premiazione si è svolta venerdì 4 luglio nella cornice del primo Simposio di "Filosofia della Pace Universale", presso il Monastero di Santa Croce del Corvo, a Bocca di Magra (Sp). Erano presenti le associazioni "al femminile" della provincia: la Fidapa, rappresentata dall'avvocato Marisa Sergi, e la Consulta Femminile della Spezia, rappresentata da Alessandra Del Monte. Entrambe hanno portato il loro messaggio di solidarietà alla neo-premiata....Souad Sbai da 30 anni in italia, si batte per difendere i diritti delle donne dell'Islam. La sua associazione si è costituita parte civile nel processo agli assassini di Hina, la giovane uccisa perchè voleva vivere come un'occidentale. "Bisogna combattere la chiusura, far capire che tutte le donne, come me, hanno la possibilità di farcela nel mondo della politica e altrove". Il suo impegno costante ea favore dell'integrazione sociale eculturale ha fatto sì che il CLSD la scegliesse per il premio. Nel nome di Dante, un poeta che, come ha ricordato lo studioso Mirco Manuguerra citando Federico Sanguineti, al posto "dell'arme e dell'eroe" ha scelto di cantare la Pace e la Donna.





Anna Chella
 
Associazione Verso il Cenobio
 
 
 
 
 
CENACOLO FACEBOOK
 
 
 
 
Edizioni Cantagalli
 
Eraklito 2000